News

10.10.2009
“Vino e Giovani”: il Campionato Nazionale Degustatori non Professionisti, terza edizione

Le Viniadi 2009, ecco i 9 “campioni” del sud. Completata la “rosa”: 18 in finale in Veneto

L'esito della semifinale in Molise. In palio filari di vite, vacanze in fattoria e bottiglie di pregio

Sono diciotto i finalisti delle “Viniadi” 2009, terza edizione del Campionato Nazionale Degustatori non Professionisti, organizzato nell’ambito del progetto “Vino e Giovani” di Enoteca Italiana (Siena) e del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, il cui obiettivo è sensibilizzare le nuove generazioni ad un consumo consapevole e moderato del vino.
E' questo il verdetto al termine della semifinale per il centro-sud, che si è svolta sabato 10 ottobre presso il Park Hotel Campitelli 2 di Larino, nell'ambito dei festeggiamenti per la tradizionale Fiera di Ottobre.
I vincitori della semifinale centro-sud, che vanno ad aggiungersi ai 9 finalisti del centro nord risultati vincitori della semifinale di Siena (3 ottobre 2009) sono: Francesco Guarino, 20 anni, studente-cuoco, di Matera; Francesca Laria, 28 anni, ingegnere, di Vibo Valentia; Cristina Rossi, ingegnere chimico, di Roma; Alice Lupi, 35 anni, impiegata, di Roma; Mirko Latocca, 35 anni, ingegnere, di Rapolla (Potenza); Rosaria Fiorillo, 36 anni, impiegata, di Napoli; Carlo Cleri, 38 anni, vigile del fuoco, di Acqualagna (Pesaro-Urbino); Maurizio Esposito, 38 anni, consulente turistico, di Avellino; Carlo Fascetti, 52 anni, consulente tecnico, di Roma.
I vincitori, che accedono alla finale delle “Viniadi”, prevista a novembre in Veneto, hanno avuto la meglio su 16 concorrenti, giunti a Larino in rappresentanza di Puglia, Campania, Marche, Molise, Basilicata, Lazio e Calabria .
Il torneo per degustatori non professionisti, ha proposto in occasione della semifinale centro-sud, l’assaggio alla “cieca” di un Vermentino (Doc Liguria), di una Barbera (Doc Piemonte) e di un Sagrantino di Montefalco (Docg Umbria) - per quanto riguarda la prova relativa all’individuazione del tipo di vitigno - e una mini “verticale” di Toscana Igt, le cui annate (1999-2001-2003) andavano riconosciute in successione decrescente, in base all’ordine di presentazione. Inoltre i concorrenti hanno dovuto rispondere a quattro domande di cultura enologica generale.
A valutare la prestazione dei degustatori, è stata una giuria presieduta da Fabio Carlesi (Segretario Generale di Enoteca Italiana), affiancato dal sindaco di Larino, Guglielmo Giardino e da Pasquale Di Lena, e composta da Gabriele Di Blasio (Ais Campobasso) e dai giornalisti Camilla Nata, (Rai Uno), Alma Torretta (Guida Vini Buoni d’Italia - WineNews), Alessandra Moneti (Ansa), Eustachio Cazzorla (Gazzetta del Mezzogiorno - Tele Norba), Paulius Jurkevicius (Il Mattino della Lituania).
L'organizzazione dell'evento, è stata curata da uno staff di Enoteca Italiana, guidato da Silvana Lilli, coordinatrice del progetto “Vino e Giovani”.


Archivio